mercoledì 23 aprile 2014

...e in questo momento, te lo giuro, Noi Siamo Infinito!

Dopo alcuni mesi di silenzio, ho deciso di tornare in grande stile, con la recensione di un film che ho amato alla follia: "Noi siamo infinito" di Stephen Chobsky. 

"Accettiamo l'amore che pensiamo di meritare." 

Trama: È il 1991 e Charlie (Logan Lerman) è un ragazzo molto intelligente, ma allo stesso tempo timido e insicuro, che osserva il mondo intorno a sé tenendosi in disparte. Un giorno due carismatici ragazzi dell'ultimo anno, la bella Sam (Emma Watson) e il suo impavido fratellastro Patrick (Ezra Miller), lo prendono sotto la loro ala protettrice accompagnandolo verso nuove amicizie, il primo amore, il primo bacio, le prime feste, le rappresentazioni del Rocky Horror Picture Show e la ricerca della colonna sonora perfetta della loro vita. Allo stesso tempo, il suo professore di inglese, il sig. Anderson (Paul Rudd) lo introduce al mondo della letteratura, facendo nascere in lui il sogno di diventare scrittore.


Meraviglioso affresco degli anni '80-'90, "Noi Siamo Infinito" è un concentrato di pura poesia, e tanta buona musica. Uno spaccato di vent'anni nel passato, un passato che io non ho vissuto, ma che emerge forte, potente dalla visione del film. Stephen Chobsky, regista e scrittore del romanzo, racconta in maniera genuina e accattivante la storia degli adolescenti di allora, non così dissimili dagli adolescenti del ventunesimo secolo. Le ansie, le paure, i desideri rimangono gli stessi; le vicissitudini dei protagonisti riguardano indifferentemente anche e forse ancor più i nostri giorni, perché le epoche si susseguono, le mode compiono il loro ciclo, ma la "materia grezza", le fondamenta rimangono invariate. 
La storia non è scontata, i personaggi sono pienamente caratterizzati, la sceneggiatura mostra un certo spessore e una notevole intensità. Gli attori hanno dimostrato grande maturità, senza dubbio supportati in maniera impeccabile da una buona sceneggiatura e da un regista che, essendo anche autore del romanzo, ha saputo far esaudire le sue richieste e ottenere le giuste emozioni. Emma Watson riuscirà a scrolarsi di dosso gli scomodi panni della maghetta più amata di sempre? A mio parere sì, se nel suo percorso artistico riuscirà a trovare ruoli adatti e compiere le scelze più azzeccate. Logan Lerman riesce benissimo a trasmettere le inquietudini di Charlie, così come Ezra Miller è fantastico nel ruolo di Patrick.
Bellissimo film, molto intenso e vero, mi ha lasciato un ottimo ricordo di sé. Voto: 8+


5 commenti:

  1. grande film e grande ritorno! ;)

    RispondiElimina
  2. E ancora una volta, purtroppo, sono d'accordo con il Cannibale. ;)

    RispondiElimina
  3. Dolcissimo e struggente. Mi ha lasciato basito.

    E fra l'altro non ne avevo mai sentito parlare: mi ha colpito a tradimento ... uno accende su una cosa a caso e mica se l'aspetta, di vedere uno dei film più belli della sua vita!

    (Dovrei sempre consultare CineSofi prima di mettermi a guardare un film.)

    RispondiElimina
  4. Intanto ciao Sofi ^^
    Sono d'accordo anche io con la maggior parte dei pareri a riguardo, un film che non ti aspetti e che poi finisce per sorprenderti! Bello, si!

    RispondiElimina