venerdì 14 settembre 2012

Recensione: Ribelle-The Brave

Buongiorno! Eccomi pronta a una nuova recensione! Infatti, non solo mi sono gustata (sebbene dalla prima ora in avanti) il film, Il Cavaliere Oscuro- Il Ritorno, ma ero ancora fresca fresca di visione del film targato Disney-Pixar, Ribelle-The Brave, di cui avevo già parlato QUI.
La casa di produzione Pixar ha ormai superato diversi esami a voto pieno, 100 e lode, ma negli ultimi tempi, benché rimanga al primo posto per attenzione alla trama e ai personaggi, e sia inguagliabile il suo talento per raccontare storie che arrivano dritte al cuore, ha perso qualche colpo, ed è scesa a una marcia in meno. Non vi preoccupate, la Disney-Pixar faticherà a deludervi davvero, ma vi sarà evidente il minore spessore che interessa il nuovo cartoon. La protagonista è Merida, impavida e ribelle, a partire dalla sua chioma, una massa di riccioli infuocati che non ne vogliono sapere di copricapi e spazzole. Merida è la futura regina, ma in lei non esiste nemmeno un briciolo dell'eleganza e della grazia di una principessa a cui spetta il compito di sovrana; è un maschiaccio, è un'abilissima arciera (mi ricorda qualcuno...), è un po' egoista ed egocentrica. Quando la madre e il padre invitano a corte i pretendenti alla mano di Merida, la giovane si schiera apertamente contro i suoi genitori, in particolare verso la madre, che la vorrebbe pronta a salire al trono. Merida farebbe di tutto perché sua madre cambi idea sul suo matrimonio, anche chiedere a una "cosidetta" strega di preparare una pozione in grado di esaudire il suo più grande desiderio. Il risultato, però, non sarà quello sperato e Merida dovrà fare di tutto per rimediare al suo errore.

Il nuovo cartoon Disney-Pixar è una fiaba. Lo stile è di conseguenza diverso rispetto ai film precedenti, e, benché sia indirizzata a un pubblico di bambini, la storia è scioccante, e un bambino di 5/6 anni un po' sensibile, rimarrebbe sconvolto dalla visione del film. Una fiaba dai toni adulti, molto scura e tenebrosa, adatta a un pubblico, secondo me, dai 10 anni in su. Il tentativo Pixar, di dare un volto nuovo alla casa di produzione, mettendo in campo un nuovo genere, non è particolarmente riuscito. Infatti la storia è un po' troppo forte per dei bambini e nemmeno così accattivante agli occhi degli adulti. Al contrario di altri cartoon Pixar, questo scontenta un pubblico sia di grandi che di piccini, invece di conciliarli, come succede nei cartoon Pixar di vecchia data. Le risate si lasciano poco spazio, il film è ricco di tensione e ritmi serrati (sembra che io stia parlando di un thriller, invece...), la storia emoziona, sì, ma non è dolce e toccante come Up o Wall-e. Come nelle fiabe che si rispettino, anche qui sono presenti diverse morali; bisogna agire tenendo sempre conto delle possibili conseguenze, non bisogna pensare solo al proprio interesse personale, ma al bene comune e bisogna sempre saper perdonare. Consiglio alla Pixar di tornare al vecchio registro, l'esperimento è riuscito solo a metà. Voto: 7+

Trailer:
 

3 commenti:

  1. Sono daccordo con te che Brave non è al livello di Wall-E e Up che sono su un altro livello, ma a me questo film è piaciuto comunque mi sono divertito molto a vedere il padre di merida e i tre gemellini che sono i suoi fratellini che io ho rinominato "i gemelli weasley" per la loro abilità di creare danni e per il fatto che conoscono ogni pietra del castello. Secondo me questo film si basa molto sul rapporto di Odio/Amore tra madre e figlia i loro conflitti le loro aspirazioni e sulla mancanza di comunicazione e proprio l'incantesimo della strega le metterà difronte alla necessità di capirsi (cosa non facile come si vede nel film XD) E poi ci sono i fuochi fatui (che nel film hanno la loro importanza) guidano Merida nel suo cammino. Io ho passato un bel pomeriggio a vederlo e questo è il mio pensiero

    RispondiElimina
  2. Bene. The Brave è diverso: un Pixar più serio che vuole affrontare situazioni importanti. Dalla ribellione ai sentimenti, dalla lotta alla magia. In primis The Brave è un film 'femminile' che porta sullo schermo usanze celtiche e paesaggi scozzesi. Da sottolineare i disegni: la chioma fluente e fiammeggiante di Merida quasi si vuole toccare e quei capelli riempiono lo schermo. Resta comunque un Pixar diverso da quello che mi aspettavo e le sensazioni che mi sono rimaste sono pensieri e non emozioni.

    RispondiElimina
  3. interessantissimo il tuo blog,mi sono unita cosi non perdo il contatto!spero ti faccia piacere e se vuoi passa da me ti aspetto, ciao! http://ledeliziedivanna.blogspot.it/

    RispondiElimina